Una vacanza a Corfù

Per il mio viaggio in Grecia nell’isola di Corfù ho scelto tra i tanti traghetti da Bari a Corfù, quello che maggiormente faceva al caso mio per gli orari di partenza e di arrivo, il traghetto è un mezzo veloce che impiega 8 ore da Bari. Il viaggio è stato molto tranquillo, con la possibilità di fare una passeggiata sul ponte o di ammirare il panorama marino, comodamente seduto sui divanetti. Io e mia moglie abbiamo anche pranzato a bordo e devo dire che c’era una buona scelta di primi, di secondi e anche di dolci.
La nave era curata e pulita anche nei servizi igienici e il personale si è dimostrato molto cordiale e sempre disponibile all’ascolto.
Durante tutto il viaggio abbiamo anche fatto conoscenza di un’altra coppia diretta sull’isola, con la qualche abbiamo anche trascorso qualche serata molto divertente.
All’arrivo anche lo sbarco dell’auto è stato abbastanza veloce e subito ci siamo diretti al nostro hotel, nella zona di Benitses. La soluzione scelta è stata quella con angolo cottura, per essere liberi di cenare da soli quando lo avrebbe ritenuto opportuno e così è stato.
Essere a Corfù significa in qualche modo essere vicini all’Italia perché fu dominata dalla potente repubblica di Venezia.
beach
Tra i luoghi di fascino di Corfù abbiamo visitato in particolare due fortezze al centro di Kerkyera, che è l’altro nome della stessa isola. La prima è stata edificata nel IV secolo a.C che si è mantenuta in parte nei secoli ed è considerata quella “vecchia”. Al suo interno abbiamo potuto visitare un’interessante mostra di arte bizantina. La seconda fortezza, “nuova”, risale invece a circa 10 secoli più tardi ed è qui che si ritrova un simbolo familiare come il leone di Venezia. Lo stesso simbolo si incontra spesso passeggiando per Corfù, anche all’arrivo nel porto. Nei giorni seguenti abbiamo anche visitato il Palazzo Reale e la chiesa di Agios Spiridonas, che è il protettore della città.
Corfù che faceva parte del grande impero della Magna Grecia ha anche un interessantissimo museo archeologico.
Durante la nostra vacanza però il protagonista è stato il mare e le spiagge di una bellezza incontenibile che sono tipiche di questa isola. Tra quelle più belle che abbiamo visitato c’è la spiaggia di Dassia, che essendo soggetta a venti moderati si presta a fare sport sull’acqua. I fondali sono bassi ed è per questo che è popolata anche da famiglie.
Ci è sembrato comodo per spostarci sull’isola uno scooter che abbiamo noleggiato in un ufficio vicino all’hotel.
Un’altra spiaggia da ammirare nei suoi colori intensi è stata quella di Paleokastritsa. A poca distanza nel centro ci sono anche diversi negozi dove trascorrere un pomeriggio di shopping e trovare qualche souvenir da portare a casa.
Nella cornice marina di Corfù venne a soggiornare anche la Principessa Sissy nella sua Villa Achilleion, che noi abbiamo ammirato nella sua grande eleganza.
Ottime le cene a base di cibo locale e i divertimenti danzati in numerose discoteche e pub.