Cosa non deve mancare in gravidanza

La gravidanza è un momento magico nella vita di una donna ma potrebbe rivelarsi un incubo se non ci si arma dei giusti alleati. Ecco una rapida guida di cosa non deve mai mancare.

Olio vegetale
Con l’avanzare della gravidanza la pancia comincia a crescere fino a tendere la propria pelle. La maggior parte delle donne incinta tende a formare delle smagliature a causa di un mancato trattamento preventivo.
Utilizzando dell’olio vegetale sarà possibile ammorbidire la pelle, tenendola sempre idratata e lasciando che l’elasticità aumenti in maniera graduale. Il più utilizzato è sicuramente l’olio di mandorla in quanto è ricco di vitamina B ed è essenziale per il benessere della cute. In linea generale vanno bene tutti gli oli vegetali in quanto stimolano la cute a produrre elastina e ammorbidiscono il derma. Per l’inizio del trattamento, meglio partire dal terzo mese, applicandolo più volte al giorno.

Crema per smagliature
L’alternativa all’olio è la crema per smagliature, utilizzata da tutte le donne che odiano l’aspetto unto e persistente dell’olio vegetale o da tutte quelle che hanno già avuto la formazione delle smagliature e vogliono prevenire le successive, oltre curare le attuali. Il consiglio è quello di vagliare le varie creme in quanto alcune sono sconsigliate in gravidanza e acquistare un prodotto ricco di acido lattico per indurre la cicatrizzazione del derma, eliminare le cellule morte, stimolare il processo di riparazione delle fibre di collagene all’interno delle smagliature. L’obiettivo quindi è quello di riparare il danno prima che sia troppo tardi. Quando le smagliature sono rosse sono di recente comparsa e potrete trattare in maniera repentina questi inestetismi in modo da risolverli velocemente. Quando invece le smagliature sono bianche, purtroppo, sono già cicatrizzate e possono sbiadire leggermente ma è necessario attuare un altro tipo di trattamento post-gravidanza per la risoluzione totale.

Calze a compressione
Le calze a compressione sono delle calze molto strette che vengono utilizzate specialmente dalle donne in gestosi o con persistenti gonfiori agli arti inferiori. Le calze vanno indossate tutti i giorni perché tendono a comprimere i vasi sanguigni in maniera elevata, in modo da spingere il sangue attraverso i capillari e stimolare il ritorno venoso.