I faraglioni i colossi del mare

Capri è stata definita dalla rivista National Geographic una delle sette isole più belle al mondo: il simbolo di queste perle del Mediterraneo sono indubbiamente i Faraglioni, imponenti scogli che emergono dalle acque blu del Mediterraneo e che sono nati dalla erosione secolare dovuta all’acqua, al vento, a movimenti tellurici e a vari fenomeni atmosferici.

Il fascino dei faraglioni di Capri è noto sin dai tempi antichi, quando Virgilio narrava nell’Eneide dell’ammaliante canto delle sirene. Il loro nome deriva dal greco “pharos”, cioè faro: si pensa, infatti, che in passato su di essi venissero accesi fuochi come guida e nello stesso tempo monito per i naviganti.
I faraglioni, protagonisti di ogni cartolina delle vacanze sull’isola, sono in realtà quattro.

capri

Saetta è il faraglione di terra, quello ancora attaccato all’isola e alto più di 100 metri.

Stella è il faraglione di mezzo e il più famoso in quanto è quello che presenta l’omonima galleria naturale, lunga circa 60 metri . Proprio qui si trova una fessura subacquea che trasforma l’area in un vortice di spruzzi e onde, col mare mosso, e in un caleidoscopio di colori azzurro, con le acque calme. In questo punto, il fondale è basso e percorribile non solo da scafi ma anche da barche a remi.
Lo stesso fondale, in direzione del faraglione di mezzo, presenta una parete tappezzata di giallo, ad indicare la presenza di celenterati che si presentano come dei fiori. Qui è possibile ammirare, per gli appassionati di immersioni, rocce tappezzate di alghe brune e, a circa 20 metri di profondità, le posidonie.
Scopolo è, invece, il faraglione noto per la presenza della “lucertola azzurra”, mimetizzandosi coi colori del mare e del cielo. I fondali, sotto questo faraglione, sono ricchi della cosiddetta “stella maris” o “ophidiaster ophidianus” dai splendidi colori, dal viola al rosso all’arancione.

Il meno conosciuto dei quattro è il Monacone: prende il nome dalla presenza, sin dai primi del ‘900, della foca monaca mediterranea.
I faraglioni è possibile ammirarli dagli splendidi Giardini di Augusto, ma anche dallo spettacolare belvedere di Punta Tragara. Quest’ultimo offre un panorama sulla spiaggia di Marina Piccola e sui Faraglioni : questo punto è raggiungibile attraverso la passeggiata del Pizzolungo, tra vegetazione mediterranea e ville. Oppure è possibile ammirarli dal mare e quasi toccarli prenotando un tour in barca che vi porterà anche attraverso un romantico passaggio sotto la Grotta della Stella.

Una vacanza da sogno ad Ibiza

Io e la mia ragazza siamo partiti per un viaggio a Ibiza nella prima settimana di luglio per godere di un tempo comunque caldo e soleggiato. Abbiamo trovato un’occasione online compresa di volo e hotel.

Siamo atterrati all’aeroporto dell’isola e in poco più di 20 minuti eravamo già all’hotel. Una bellissima struttura, molto elegante nei pressi di Playa d’en Bossa.
Questa cittadina è una delle zone più esclusive di Ibiza sia per la spiaggia a pochi passi che per i locali notturni, che dettano tendenza in tutto il mondo.
La spiaggia dell’hotel era ben attrezzata di ombrelloni, sdraio e bar con servizio cocktail sulla spiaggia.
L’acqua era un vero spettacolo con colori che andavano dalla trasparenza più assoluta a un turchese abbagliante. Tutte le varie spiagge che abbiamo visitato avevano questo denominatore comune, per la bellezza del mare e per i servizi offerti ai turisti. Alcune avevano un sapore esotico e un’ambientazione da cartolina, con le palme che facevano dolcemente ombra sul bagnasciuga.
San Juan è stata una delle nostre mete che più ci ha colpito per la tranquillità e la natura lussureggiante che circonda la spiaggia.

ibiza-mare-barche
La zona infatti ha un corollario di colline verdi dove molti turisti vanno anche a fare una passeggiata all’ombra della rigogliosa macchia mediterranea.
Nel centro cittadino è immancabile una passeggiata tra le case tipicamente basse e arroccate una sull’altra. Numerose sono le botteghe di artigianato locale che abbiamo incontrato, idealei per fare un po di shopping di prodotti tradizionali, anche con riferimento al cibo locale.
I vicoli di San Juan ci hanno colpito per la grande serenità che trasmettono e per l’ordine urbano molto semplice.
Anche Calo des Moro e Cala Llonga sono spiagge molto tranquille e ideali per chi vuole trovare un po di riservatezza. Abbiamo noleggiato un pedalò e ci siamo accorti che non era difficile trovare piccole rientranze e baie riparate, raggiungibili solo via mare.
Le cale sono una caratteristica predominante delle coste di Ibiza e diventa molto divertente scoprirne ogni giorno di nuove.
Tra le escursioni più divertenti ricorderemo con piacere quella al villaggio di pescatori di Es Canar, che ha un mercatino dove si trova davvero di tutto.
Alcune di queste spiagge come Sa Caleta, Cala Conta o Ses Salinas sono anche il luogo ideale se si vuole andare alla scoperta di meravigliosi fondali, popolati da coloratissimi pesci, corallo e fauna acquatica.
I locali che ci hanno consigliato in hotel non ci hanno deluso e tra tutti le discoteche Delano Beach e Pasha ci sono sembrate le più glamour, dove la gente si diverte in riva al mare fino al mattino.
Ci siamo anche divertiti alla ricerca di quei ristoranti tipici, perché amiamo la cucina esotica e non siamo rimasti delusi dall’uso di tanto pesce fresco e verdure soprattutto a crudo.
La gente qui si diverte e si appassiona alla movida leggendaria di questa isola da sogno.

Una vacanza a Corfù

Per il mio viaggio in Grecia nell’isola di Corfù ho scelto tra i tanti traghetti da Bari a Corfù, quello che maggiormente faceva al caso mio per gli orari di partenza e di arrivo, il traghetto è un mezzo veloce che impiega 8 ore da Bari. Il viaggio è stato molto tranquillo, con la possibilità di fare una passeggiata sul ponte o di ammirare il panorama marino, comodamente seduto sui divanetti. Io e mia moglie abbiamo anche pranzato a bordo e devo dire che c’era una buona scelta di primi, di secondi e anche di dolci.
La nave era curata e pulita anche nei servizi igienici e il personale si è dimostrato molto cordiale e sempre disponibile all’ascolto.
Durante tutto il viaggio abbiamo anche fatto conoscenza di un’altra coppia diretta sull’isola, con la qualche abbiamo anche trascorso qualche serata molto divertente.
All’arrivo anche lo sbarco dell’auto è stato abbastanza veloce e subito ci siamo diretti al nostro hotel, nella zona di Benitses. La soluzione scelta è stata quella con angolo cottura, per essere liberi di cenare da soli quando lo avrebbe ritenuto opportuno e così è stato.
Essere a Corfù significa in qualche modo essere vicini all’Italia perché fu dominata dalla potente repubblica di Venezia.
beach
Tra i luoghi di fascino di Corfù abbiamo visitato in particolare due fortezze al centro di Kerkyera, che è l’altro nome della stessa isola. La prima è stata edificata nel IV secolo a.C che si è mantenuta in parte nei secoli ed è considerata quella “vecchia”. Al suo interno abbiamo potuto visitare un’interessante mostra di arte bizantina. La seconda fortezza, “nuova”, risale invece a circa 10 secoli più tardi ed è qui che si ritrova un simbolo familiare come il leone di Venezia. Lo stesso simbolo si incontra spesso passeggiando per Corfù, anche all’arrivo nel porto. Nei giorni seguenti abbiamo anche visitato il Palazzo Reale e la chiesa di Agios Spiridonas, che è il protettore della città.
Corfù che faceva parte del grande impero della Magna Grecia ha anche un interessantissimo museo archeologico.
Durante la nostra vacanza però il protagonista è stato il mare e le spiagge di una bellezza incontenibile che sono tipiche di questa isola. Tra quelle più belle che abbiamo visitato c’è la spiaggia di Dassia, che essendo soggetta a venti moderati si presta a fare sport sull’acqua. I fondali sono bassi ed è per questo che è popolata anche da famiglie.
Ci è sembrato comodo per spostarci sull’isola uno scooter che abbiamo noleggiato in un ufficio vicino all’hotel.
Un’altra spiaggia da ammirare nei suoi colori intensi è stata quella di Paleokastritsa. A poca distanza nel centro ci sono anche diversi negozi dove trascorrere un pomeriggio di shopping e trovare qualche souvenir da portare a casa.
Nella cornice marina di Corfù venne a soggiornare anche la Principessa Sissy nella sua Villa Achilleion, che noi abbiamo ammirato nella sua grande eleganza.
Ottime le cene a base di cibo locale e i divertimenti danzati in numerose discoteche e pub.

Una vacanza ad Ibiza

La nostra vacanza a Ibiza lo scorso giugno è stata un periodo di divertimento e di relax nello stesso tempo che ricorderò sempre con piacere. Eravamo un gruppo di amiche decise a festeggiare l’estate tra sole donne e quindi abbiamo cominciato a cercare online case ad Ibiza, l’affitto di una appartamento è sicuramente una buona soluzione che ci lascia maggiore libertà rispetto all’hotel.

La scelta è caduta sulla località di San Antonio, che pur essendo non proprio centrale, offre la possibilità di avere una casa vacanza immersa nella tranquillità, meno cara rispetto a zone come la capitale di Ibiza Eivissa, o di Sant’Eularia e di Playa. Queste ultime infatti sono più care ma comunque facilmente raggiungibili da San Antonio con un auto a noleggio o con i mezzi pubblici.
La spiagga di San Antonio è fantastica, con acqua dai calori cangianti e pulitissima, dove abbiamo trascorso rilassanti giornate ad abbronzarci e a giocare sul bagnasciuga.
Non poteva mancare anche un colpo d’occhio della costa dal mare e quindi abbiamo prenotato un’imbarcazione dalla quale ammirare la costa frastagliata e a tratti bassa di Ibiza.
Un’altra meraviglia della natura è la spiaggia di Ses Salinas, che è anche una grande riserva naturale a pochi passi da Eivissa. E’ un parco da visitare in bicicletta con specchi lacustri e lagune ad alta salinità. Qui migrano diverse specie di uccelli e la spiaggia ha un’acqua incantevole.


Un altro lido dove abbiamo trascorso due giorni è quello di Platja d’es Cavallet, caratterizzata da dune e acque turchesi.
La trasparenza delle acque e la grande biodiversità ha favorito una ricchissima fauna da osservare nei fondali di una bellezza incontenibile.
A Ibiza il divertimento è stato il leit motiv della nostra vacanza. A pranzo abbiamo visitato diversi bar sulla spiaggia e ristoranti tipici dove provare la gustosa cucina locale, tra cui consigliamo quella di Playa, oppure quella di Cala Conta dove attendere i più romantici tramonti della costa. Se amate invece le spiagge con sabbia a ghiaia, allora andate a Cala des Jondal, con acqua limpida e atmosfera tranquilla.
Cala Vadella invece è la spiaggia circondata dalla macchia mediterranea che colpisce per i colori che vanno dal verde all’azzurro del mare. Le spiagge di Ibiza sono sia attrezzate, molte delle quali con gli stabilimenti degli hotel vicini, e libere per chi vuole godere a pieno della bellezza dell’isola.
Per la sera abbiamo passato in rassegna tutte le discoteche più famose: l’Amnesia, il Sant Rafael, il Pasha, il Delano Beach per notti indimenticabili, ma anche il sofisticato club Blu Marlin. Abbiamo già deciso che ci torneremo la prossima estate con in nostri rispettivi partner.

Prenota il tuo aliscafo per Ischia

Trascorrere un fine settimana ad Ischia è stato un momento che mi ha lasciato degli splendidi ricordi.

Ho deciso di conoscere quella che viene definita ‘Isola Verde’ perché ero curioso di vedere le bellezze che mi erano state decantate da amici che avevano passato ad Ischia, una vacanza dalla quale erano tornati più che entusiasti.
Ho scelto –seguendo il loro consiglio- di lasciare l’auto in un parcheggio a Napoli e di imbarcarmi su uno dei tantissimi aliscafi per Ischia che la collegano in soli tre quarti d’ora da Napoli, arrivato  sull’isola ho approfittato di mezzi pubblici per visitarne i luoghi più pittoreschi. Avevo saputo che il tempo di 45 minuti poteva anche variare a seconda delle condizioni meteo marine ma, per fortuna, sia il viaggio di andata che quello di ritorno, sono avvenuti in totale tranquillità e con meno di 40 euro ho potuto usufruire di mezzi rapidi e confortevoli che mi hanno fatto vivere una bella traversata. Tra l’altro tutto molto pratico dal momento che, per risparmiare tempo, ho potuto effettuare la mia prenotazione online risparmiando il tempo di fare la fila e di scegliere gli orari con un certo anticipo.
castle Aragonese of Ischia,Italy
Una volta arrivato sulla piccola isola ho avuto conferma di quanto veritiere fossero tutte le dimostrazioni di amore rivolte da tanti poeti a questi ameni luoghi così ricchi di bellezze del suo territorio dove, un capitolo a parte meritano le spiagge più belle. Da Citara a Carta Romana, da Maronti a San Francesco e Mandra, ognuna di queste merita di essere vissuta pigramente sdraiati a godere il sole e il limpido mare.
Ho avuto modo di visitare altri luoghi unici e pittoreschi come le famose fumarole di Sorgeto e dei Maronti, il cosiddetto ‘fungo’ di Lacco Ameno, il monte Epomeo e la baia di San Montano. Ma mi sono dedicato anche all’esplorazione di alcune perle artistiche come il celebre Castello Aragonese, la Torre di Michelangelo e, a Forio, la chiesa del Soccorso.

La movida che riempie le serate di Ischia si sviluppano in tantissimi locali trend come quelli che si trovano nel caratteristico borgo di Sant’Angelo o vicino ai bellissimi giardini Poseidon oltre che, ovviamente, a quelli ubicati sui litorali più affollati dell’isola.
Tutto questo ha composto un incredibile puzzle che hanno realizzato il mio week-end in un momento di relax misto a un vivace divertimento che vorrò rivivere alla prima occasione utile.

Cosa fare in caso di vacanza rovinata

Ho sempre considerato la vacanza come tante altre persone: una parentesi dove potersi ricaricare dalla fatica e dallo stress accumulato durante un anno di lavoro e poter fare quelle cose che non possiamo fare. Per le ferie di questo agosto avevo progettato, insieme alla mia compagna e ad una coppia di amici di trascorrere una settimana ai tropici, per coronare un sogno sempre alimentato dai racconti degli amici che c’erano già stati. Scelta la destinazione e prenotato il volo, non mi restava altro da fare che far passare velocemente quel tempo che mi divideva dal mare, dal sole e dall’allegria di un posto che mi avrebbe offerto tante occasioni per divertirmi e vivere la meritata vacanza.

Finalmente trascorso quel tempo di attesa, mi ritrovavo con la mia ragazza e la coppia di amici tre ore prima della partenza del volo prenotato, predisposti a far passare quelle ore che ancora ci dividevano con un mare color smeraldo che attendeva solo i nostri tuffi. Fu proprio al momento di scrutare il tabellone che annunciava i voli che mi accorsi che qualcosa non stava andando per il verso giusto perché, tra i voli in evidenza, non c’era quello con il quale ci dovevamo imbarcare.
Pensavo fosse una stranezza maì non avevo motivi di dubitare e così, raggiunsi tutti gli altri al bar per un ultimo caffè.

volo-annullato
Vissi un incubo nel momento stesso che arrivai al desk accettazione, dove un’imbarazzata assistente di terra stava subendo un vero assalto da parte di altri passeggeri che avevano saputo che il volo era stato annullato per motivi tecnici ed essendo in altissima stagione la compagnia charter non aveva potuto riproteggere nessun passeggero a causa della indisponibilità di voli alternativi. Eravamo tutti invitati ad attendere nuove comunicazioni in merito mentre molti viaggiatori, stavano esplodendo tutta la loro rabbia prendendosela con la povera ragazza del tutto incolpevole del fatto.
Le ore passarono lente senza che nessuna notizia ci venne data dal personale di terra fino a quando, a notte inoltrata, fu certo che con era possibile volare con quella compagnia per quella destinazione per almeno una settimana; cosa, questa, che mandava a monte la nostra sospirata vacanza tropicale.

Mi recai in un’agenzia di servizi che avrebbe seguito la procedura per l’ottenimento del rimborso di quanto pagato senza averne usufruito, tanto più che esiste una legislazione internazionale che tutela il passeggero in causa di inadempienza da parte di un vettore aereo, per saperne di più puoi consultare il sito www.risarcimentovolo.it. Compilai uno specifico modulo, dopo che l’agenzia di rimborso aveva accertato l’avvenuto disservizio, che mi avrebbe fatto recuperare quanto avevo sborsato per un volo non usufruito che mi aveva impedito di andare in vacanza.

Che viaggio farai per le tue prossime vacanze

Non avrei mai pensato che una vacanza a Valona potesse restare nel cuore e nella memoria così come mi è capitato. Valona è un’adorabile località balneare dell’Albania che sa unire al divertimento e al relax una buona dose di storia, nonché un’architettura urbana di grande interesse. La partenza da Brindisi tramite traghetto mi è sembrata la soluzione ideale fin dal principio, considerata la spesa irrisoria e la bellezza di un viaggio per mare, cullato dal rumore delicato delle onde e dalla comodità offerta dalle imbarcazioni di European Ferries, una delle migliori compagnie con la quale abbia mai avuto il piacere di viaggiare. European Ferries offre diverse opzioni utili a raggiungere la città portuale albanese, tutte a buon prezzo e corredate da un’ampia scelta di servizi aggiuntivi opzionabili, compresa la possibilità di portare con sé la propria automobile piuttosto che il proprio amico a quattro zampe. Ho scelto di prenotare il mio viaggio di andata e ritorno online e, grazie al sito ufficiale della compagnia, ho sbrigato l’intera operazione in pochissimi minuti.
traghetti-viaggio
Ho optato per una partenza serale, alle 23.30 con orario di arrivo previsto per le 7.00 del mattino seguente. Il viaggio di ritorno, invece, è durato meno, assestandosi sulle cinque ore totali, con partenza fissata per le 14.00 ed arrivo alle 19.00. La spesa irrisoria (90 euro per una fantastica traversata a bordo di un traghetto completo di tutti i comfort) mi ha convinto a fidelizzarmi ai servizi offerti da European Ferries e a visitare in futuro altre destinazioni raggiunte dalla compagnia. Viaggiare in nave è una maniera di spostarsi rilassante e sicura, oltre che estremamente affascinante, considerata la bellezza del mare ed il senso di relax dal sapore quasi onirico offerto dal fragore delle onde. Giunto a Valona ho dedicato i primi due giorni alla visita della città, che si è rivelata molto più interessante di quanto mi attendessi. La Via Monumentale è un complesso di edifici storici compresi fra il XVII ed il XIX secolo e tutti recanti il tipico gusto architettonico valonese, con mura in pietra bianca e finestre incorniciate e coloratissime. In stile sultanesco, invece, è stata edificata la moschea di Muradie con il bellissimo minareto in pietra scolpita. Meravigliose le spiagge cittadine, attrezzatissime e contornate di numerosi bar e locali notturni, ideali per divertirsi e conoscere tanta bella gente.

Parti con la compagnia giusta

Viaggiare è meraviglioso, ma farlo con la compagnia giusta e in un ambiente amichevole, professionale e ricco di comfort lo è ancora di più. Ustica Lines è la compagnia marittima siciliana fondata nel 1993, che in 23 anni di storia ha saputo ritagliarsi un ruolo fondamentale nel traffico marittimo isolano, servendo ogni giorno migliaia di passeggeri ed offrendo un servizio puntuale e professionale. Ustica Lines dispone di una flotta di imbarcazioni veloci che include catamarani, aliscafi e monocarena, in grado di unire i porti più importanti della regione a tutte le stupende isole siciliane, oltre che di fornire un servizio quotidiano nei collegamenti all’interno dello stretto di Messina. Fondata da Vittorio Morace, Ustica Lines ha sede a Trapani, snodo fondamentale nelle tratte originarie percorse dalla compagnia durante i primi anni di attività.

Alle rotte Trapani-Kelibia con scalo intermedio a Pantelleria e Napoli-Trapani con sosta ad Ustica, col tempo si sono aggiunte decine di tratte in grado di accorciare sensibilmente le distanze tra i principali porti siciliani. Al 2004 risale l’acquisizione delle unità navali SNAV, ai cui traffici tra la terraferma e le isole Eolie, sono state aggiunti altri collegamenti che muovono da San Vito Lo Capo e Marsala. Nel 2010 il CdA aziendale ha scelto di far proprie le quote di maggioranza del consorzio che cura i collegamenti all’interno dello stretto di Messina, mettendo quotidianamente in comunicazione i porti di Messina, Reggio Calabria e Villa San Giovanni. Ad oggi, Ustica Lines impiega ben quattro unità veloci nello stretto, offrendo ai viaggiatori un servizio regolare e continuo. L’ultima acquisizione eccellente risale al 2014, anno durante il quale Ustica Lines ha rilevato la flotta veloce facente capo al cantiere navale di HSC Shipyard. Le 25 moderne imbarcazioni di Ustica Lines ed HSC Shipyard servono giornalmente i porti di Trapani, Palermo, Messina, Milazzo, Porto Empedocle, Lampedusa, Pantelleria, Marsala e tanti altri. I servizi a bordo includono aria condizionata, televisori, bar, ristorazione, sala cinema e poltrone reclinabili; manutenzioni e controlli rigorosi destinati a tenere sempre elevati gli standard di sicurezza rappresentano la norma per un’azienda che fa della serietà una delle sue prerogative.